PROFILO AZIENDALEOPPORTUNITÀ DI LAVOROCONTATTIHOME PAGE
civica

NOVITÀ NORMATIVE

LE PROVINCE POSSONO DIVENTARE UNIONI DI COMUNI!

Le province tornano nel mirino della maggioranza. Stavolta non per abrogarle, come promesso tre anni fa in campagna elettorale dal premier Silvio Berlusconi, ma per trasformarle in un'associazione di comuni.
A lanciare l'idea è stato ieri Maurizio Sacconi. Intervenendo a un convegno organizzato dalla Uil-Fpl e dalla fondazione Craxi sul futuro della Pa, il ministro del Lavoro ha spiegato che il presidente degli enti di area vasta potrebbe essere scelto tra i sindaci dei municipi associati. Precisando che per ora si tratta di «un'ipotesi alla quale si è pensato» dato che il federalismo obbliga all'integrazione dei servizi essenziali tra i comuni nelle dimensioni di almeno 30mila abitanti.
Per Sacconi una soluzione del genere «eliminerebbe il livello elettivo e consentirebbe di far coincidere la provincia con le associazioni tra comuni, realtà che già ci sono sul territorio». E potrebbe incontrare anche il gradimento dell'opposizione visto che una ricetta simile era stata proposta nei mesi scorsi dal senatore del Pd, Enzo Bianco.
Uno stop è giunto invece dal presidente dell'Upi, Giuseppe Castiglione: «Il ministro Sacconi ha dimostrato, nei fatti, di considerare fondamentale il ruolo delle province. Lo dimostra la fitta rete di accordi e protocolli siglata con l'Upi in quest'ultimo anno, tutti tendenti a valorizzare le province al centro delle attività delle politiche per il lavoro. Sono propenso a considerare - ha aggiunto - che l'opinione del ministro sulle province sia più evidente nei fatti, piuttosto che attraverso parole dette a margine di un convegno».
La strada proposta da Sacconi non si annuncia semplice. Ogni tentativo di razionalizzare il livello provinciale è finora fallito. L'ultimo nel giugno scorso, durante il primo passaggio parlamentare alla Camera del codice delle autonomie (che è ora all'esame del Senato, ndr): si è partiti dal taglio di 4 mini province a cui sarebbe seguita una razionalizzazione complessiva e si è arrivati a eliminare anche quest'ultima.
FONTE: IL SOLE 24 ORE

SCADENZIARIO

<ottobre 2017>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
calendario formazionequaderni di approfondimentobanca dati quesitibanca dati abbonati
vai al dettaglio